Coronavirus, Cgil Cisl Uil Piemonte: “Misure urgenti per tutti”

Attualità
I tre segretari di Cgil Cisl Uil Piemonte: Pozzi, Ferraris e Cortese primo piano Coronavirus, Cgil Cisl Uil Piemonte: “Misure urgenti per tutti”

Il decreto legge varato dal Governo ha definito misure urgenti a sostegno di famiglie lavoratori e imprese causate dall’emergenza del COVID-19 che però riguarda sostanzialmente i soli comuni della zona rossa.

CGIL CISL UIL del Piemonte ritengono che si debbano invece ricomprendere tutte le situazioni che a causa delle ordinanze emesse per ridurre i rischi di contagio hanno interrotto o ridotto le loro attività.
In particolare le lavoratrici ed i lavoratori delle attività di servizio legate alla chiusura delle scuole, dei musei, delle attività culturali e sportive per la grandissima parte non hanno la possibilità di ricorrere agli ammortizzatori sociali e quindi senza interventi specifici hanno perso e perderanno le retribuzioni.
Riteniamo inoltre che anche per i lavoratori che possono utilizzare gli ammortizzatori si debbano escludere tali periodi dei conteggi per i massimali di fruizione.

Inoltre per la particolarità che ha caratterizzato l’utilizzo della Cassa Integrazione in deroga il Piemonte non ha grandi residui e quindi non potrà avere specifici benefici da una possibile estensione dello sblocco di tale risorse come previsto dal decreto per Lombardia Veneto ed Emilia.
CGIL CISL UIL del Piemonte ritengono urgente la predisposizione di misure chiare e precise anche per evitare comportamenti e scelte unilaterali da parte delle imprese che rischiano di danneggiare i dipendenti.
CGIL CISL UIL Piemonte ringraziano infine le lavoratrici ed i lavoratori della sanità, della protezione civile, delle forze dell’ordine, del volontariato che si sono impegnati e si impegneranno con grandissima abnegazione per garantire salute e sicurezza a tutti noi cittadini e che devono essere messi nelle condizioni di lavorare al meglio ed in sicurezza stanziando per questo le risorse necessarie.

Categoria: