Primo Maggio ’19 a Novi ed Asti per rimettere al centro lavoro, sicurezza, ed un’Europa sociale

lunedì 29 aprile 2019 / Attualità

-> Scarica il VOLANTINO

“Il Novese è un territorio che sta affrontando ed ha dovuto affrontare non poche criticità, una su tutte la crisi della storica azienda dolciaria Pernigotti. Come rimettere in moto lo sviluppo? Puntando sul lavoro di squadra che coinvolga tutti i soggetti, istituzioni, aziende, sindacati, associazioni, scuola ed università…Dobbiamo scommetere prima di tutto sull’attrattività del nostro territorio“, ha ricordato Marco CIANI, Segretario generale Cisl Alessandria-Asti, durante la conferenza stampa convocata presso la Cisl alessandrina il 29 aprile per presentare la manifestazione territoriale del Primo Maggio a Novi L.re (AL).

Con la Festa del Lavoro del Primo Maggio 2019 porteremo unitariamente, oltre al tema dell’Europa, dei diritti e della difesa dello stato sociale, anche le nostre rivendicazioni nei confronti del Governo, che sono state alla base della grande mobilitazione del 9 febbraio 19 #FUTUROALLAVORO e che saranno alla base degli scioperi e delle manifestazioni che faranno tante categorie nelle prossime settimane.

Le nostre manifestazioni in provincia di Alessandria ed Asti:

– a NOVI LIGURE (AL): concentramento alle ore 10,00 davanti alla Stazione Ferroviaria di Novi Ligure Piazza Falcone Borsellino, faremo poi un corteo per le vie cittadine e arriveremo in Piazzale Partigiani (giardini pubblici) per il comizio finale che sarà tenuto da Marco CIANI, Segretario Generale Cisl Alessandria-Asti;

– ad ASTI il ritrovo sarà alle ore 8.30 al Circolo Way Assauto  Corso Pietro Chiesa 2. Il concentramento sarà alle ore 9,00 ai Giardini Pubblici lato Piazza Alfieri, faremo un corteo per le vie cittadine. Il comizio finale in Piazza Alfieri sarà tenuto dalla segretaria Nazionale CGIL Ivana GALLI.

La manifestazione nazionale si svolgerà a BOLOGNA, a cui prenderà parte una delegazione di lavotari e pensionati delle nostre province.

Oltre al LAVORO, che continua ad essere un’emergenza nel nostro Paese e sul territorio (la provincia di Alessandria registra un tasso di disoccupazione del 10%, tra i più alti di tutto il nord Italia), ci sono altri temi per noi prioritari al centro della Festa del Lavoro:
-> l’EUROPA e la necessità di un completamento del progetto, tema che ci sta a cuore in vista delle prossime elezioni europee del 26 maggio, al centro della nostra recentissima iniziativa organizzata a metà aprile (Ri)costruire la Casa comune – Per l’Europa delle Persone e del Lavoro”
-> la SALUTE e SICUREZZA di lavoratrici e lavoratori: un dramma vergognoso e inaccettabile, basti pensare che da inizio 2019 ad oggi in Italia sono oltre 200 le vittime di incidenti mortali sul luogo di lavoro, e la provincia di Alessandria si trova al 31°posto nella classifica nazionale per infortuni (tre i lavoratori che hanno perso la vita sul nostro territorio da inizio anno), al quinto posto per incidenza di tumori, pari al 16,4% sul totale delle malattie professionali; non dobbiamo infatti dimenticare il dramma legato all’uso di amianto e le tante vittime di malattie legate a specifiche tipologie di lavoro. Il numero di infortuni, che coinvolgono molto spesso i più giovani, è ancora troppo alto, proprio per questo motivo riteniamo inaccettabile e grave la possibile riduzione dei contributi Inail a carico delle imprese, come annunciato dal Governo.

PASSAPAROLA…VI ASPETTIAMO NELLE NOSTRE PIAZZE!
-> Seguici anche su Facebook
->
Il Primo Maggio in tutto il Piemonte

 

lavoro futuro

Categoria: , , ,