Contratti somministrazione: proroga per 1200 assistenti domiciliari che operano in appalto per Città metropolitana

lunedì 5 novembre 2018 / Mercato del lavoro
citta-metropolitana-

 Raggiunta l’Intesa tra FeLSA Cisl – Nidil Cgil – Uiltemp Uil Piemonte e le Agenzie per il Lavoro che operano in appalto con il Comune di Torino e che utilizzano a Torino e provincia personale con contratto di somministrazione con mansioni di assistente domiciliare nelle famiglie. Grazie ai P.A.I. ( piani di assistenza individuale ) e Buono Servizio le famiglie possono accedere a questo servizio quando necessitano di assistenza domiciliare in caso di una grave situazione di non autosufficienza.

Le Organizzazioni Sindacali e le Agenzie per il Lavoro, che impiegano circa 1200 lavoratrici e lavoratori in questo progetto, dopo alcuni incontri hanno firmato un accordo che permetterà al personale dipendente interessato e alle famiglie di continuare ad usufruire di questo importante servizio assistenziale attraverso il superamento dei termini temporali di durata massima dell’utilizzo della somministrazione a tempo determinato. L’accordo, che ha valore fino al 31-01-2019 ovvero fino alla vigenza degli appalti, oltre a garantire la continuità occupazionale dei 1200 lavoratori in somministrazione in scadenza di contratto, prevede che entro quella data venga definito un bacino di lavoratrici e lavoratori a cui attingere successivamente utilizzando criteri come l’anzianità contrattuale e la territorialità. L’accordo riconosce in questo modo alle lavoratrici e ai lavoratori che operano nel settore un diritto aggiuntivo, non previsto dalla legge, verso la stabilità e la continuità occupazionale.

FeLSA, Nidil e Uiltemp si dichiarano sufficientemente soddisfatti per quanto operato e cominceranno nelle prossime settimane a monitorare il rispetto di quanto stabilito.

FeLSA CISL – Alessandro Lotti

Nidil Cgil – Davide Franceschin

Uiltemp Uil – Anna Maria D’Angelo

Categoria: ,