Leonardo: incontro in Regione sul futuro occupazionale dei siti di Torino e Caselle

lunedì 8 aprile 2019 / Attualità
Davide Provenzano, operatore Fim Torino-Canavese primo piano
Davide Provenzano, operatore Fim Torino-Canavese

Si è tenuto oggi l’incontro presso la Regione Piemonte tra le segreterie territoriali di Fim Fiom Uilm e le RSU di Leonardo, con l’assessore regionale alle Attività produttive De Santis e il Presidente del comitato del Distretto Aerospaziale Piemontese Dealessandri.

I sindacati unitariamente hanno espresso la loro preoccupazione in merito ai carichi di lavoro e sul futuro occupazionale dei siti di Torino e Caselle. In particolare si è parlato del calo di lavoro che potrebbe manifestarsi già nel 2020 causato dalla fine del programma Eurofighter e da una mancanza decisionale del governo sul futuro del nuovo caccia europeo. Dal canto suo la Regione ha dichiarato di avere avviato un accordo di programma con il Politecnico di Torino, l’Università e diverse aziende del territorio, stanziando 30 milioni di euro per attività di advanced manufacturing, ricerca e sviluppo. Una parte di investimento sarà dedicata nello specifico al sito Leonardo di Torino corso Marche.

“Riteniamo utile –  ha dichiarato il segretario FIM-CISL Torino e Canavese, responsabile dell’aerospazio, Davide Provenzano – aprire un confronto su scala nazionale con i Ministeri competenti e l’Azienda, volto a tutelare le migliaia di lavoratori/lavoratrici del settore aerospaziale presenti nel territorio torinese”.

 

 

Categoria: