Fnp-Spi-Uilp Piemonte sulla questione RSA: e domani?

lunedì 30 novembre 2020 / Attualità

Inserzione unitaria su La Stampa di domenica 29 novembre 2020. Ecco il testo del comunicato:

“Ad oggi sono morte circa 1.400 persone delle RSA piemontesi e moltissimi sono i contagiati. E domani?
Basta con le RSA ospizio, ci vuole domiciliarità assistita e protagonismo del territorio.
L’anziano non autosufficiente ha diritto ad avere un progetto di vita. A coltivare gli affetti. A vivere socialità e cultura. Deve poter invecchiare in casa con un’assistenza che garantisca necessità di salute e di vita quotidiana.
Si può e fa risparmiare il Servizio sanitario. Se è necessaria la residenzialità, bisogna superare le attuali RSA, inadeguate, inefficaci e spesso alienanti. Le strutture devono potenziare le competenze sanitarie e migliorare la vivibilità e la socialità degli anziani, aprendosi al territorio e alle associazioni di volontariato.
Si può e permetterà alle persone con gravi limitazioni di avere una vecchiaia serena.
Salvare gli anziani è salvare il futuro di tutti noi.”

In allegato locandina e documento unitari.

Clicca qui per vedere il servizio del Tg3 Regionale

Categoria: ,