Flessibilità, salute e sicurezza: 
l’impegno della Felsa Cisl Piemonte per sensibilizzare ed informare i lavoratori in somministrazione

lunedì 30 ottobre 2017
sicurezza-lavoro-ATIPICI
La nostra federazione è intervenuta in un convegno organizzato dalla Cisl Piemonte Orientale sul tema della sicurezza dei lavoratori "flessibili"

Anche la voce della FeLSA Cisl Piemonte è stata protagonista della giornata dedicata all’approfondimento delle tematiche riguardanti la salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, promossa a Vercelli dalla CISL Piemonte Orientale in collaborazione con la CISL Piemonte.
L’iniziativa si è svolta il 30 ottobre in occasione della 43sima settimana europea per la sicurezza e salute sui luoghi di lavoro. “Un sistema di sicurezza adeguato per tutti i lavoratori, un titolo che è un po’ il nostro sogno”, commenta il Segretario regionale CISL Gianni Baratta aprendo i lavori coordinati da Elena Ugazio, Segretaria Cisl Piemonte Orientale. All’evento hanno partecipato Luca Caretti, Segretario generale CISL P.O., a cui sono state affidate le conclusioni, il responsabile dei punti d’incontro territoriale, Enoglin Canaj e il coordinatore regionale dei comitati consultivi provinciali Inail Piemonte, Aniello D’Auria.
La nostra Federazione di Categoria ha partecipato attivamente alla giornata con l’intervento di Alessandro Lotti, segretario FeLSA CISL Piemonte che ha sottolineato alcuni aspetti che interessano molto da vicino i lavoratori in somministrazione, soffermandosi in particolare sull’incidenza degli infortuni e sull’importante contributo della categoria in fatto di formazione e prestazioni di tutela attraverso l’aiuto della bilateralità.


“Il nostro contributo per diffondere la cultura della sicurezza consiste in modo particolare nelle attività di informazione dei lavoratori, sensibilizzazione nelle fasi di addestramento e di servizi e tutela ad hoc”, ha precisato.

convegno cisl sicurezza somministrati

Anche Stefania Fochesato, RLS Felsa Piemonte presso l’azienda LEONARDO di Cameri (NO) insieme a Umberto Quindici, RLS presso la stessa azienda (nella foto a fianco), ed Emilio Capacchione, Segretario territoriale Fai Cisl, hanno avuto l’opportunità di raccontare la propria esperienza sul luogo di lavoro, mantenendo il focus su specifiche realtà del Piemonte Orientale.

Quando si parla di salute e sicurezza dei lavoratori va ricordato il Testo Unico n.81/2008 ed il decreto attuativo del Jobs Act del 2015 sul riordino delle tipologie contrattuali.
Questo per arrivare al punto che, se come lavoratore  ho uno o più contratti  a termine che si susseguono, e dunque diversi datori di lavoro, il mio livello di esposizione al rischio di incorrere in un infortunio è maggiore, perché avrò difficoltà a conoscere bene l’ambiente di lavoro in cui mi muovo.
Un esempio su tutti, se parliamo di percorsi discontinui, è rappresentato dal lavoratore in somministrazione che, assunto e retribuito  dall’agenzia per il lavoro, viene mandato in “missione” presso l’azienda X per un certo numero di mesi; può capitare poi che, terminato quel contratto, il lavoratore ne inizi uno nuovo, magari con un’altra agenzia e presso un’altra azienda.
All’incontro è intervenuta anche Caterina Vittoria Fontana, responsabile legale di Adecco, che, visto il tema sentito ed importante, ha accettato di partecipare ai lavori esprimendosi sugli sforzi delle APL in materia di sicurezza.
La sicurezza sul lavoro è un punto irrinunciabile per noi– ha spiegato il Segretario Caretti in chiusura– bisogna valorizzare il lavoro dei nostri RLS in azienda ed è importante promuovere un’unione continua tra le categorie per un impegno sempre maggiore”.
In attesa degli sviluppi e della Conferenza regionale del 5 dicembre a Torino, la giornata di Vercelli si è rivelata molto proficua ed ha aperto la strada a nuove riflessioni sul tema, nonché ad un rinnovato impegno che la FeLSA non può che promuovere e incoraggiare.

-> Vai al focus sulla giornata ed alla galleria fotografica

-> Salute e sicurezza sul lavoro, da dove siamo partiti e dove stiamo andando? (Approfondimento sul tema sicurezza dei lavoratori “flessibili” e smartworking)

-> SCARICA LA GUIDA PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE REALIZZATA DA EBITEMP