Gruppo Imr: aperto ufficialmente lo stabilimento a Saluzzo in sostituzione della Mahle Group (Mondial Piston)

venerdì 21 maggio 2021 / Attualità
Apertura ufficiale dello stabilimento saluzzese del Gruppo Imr Industries con il taglio del nastro da parte del presidente del gruppo, Silvano Galmarini
Apertura ufficiale dello stabilimento saluzzese del Gruppo Imr Industries con il taglio del nastro da parte del presidente del gruppo, Silvano GalmariniIndustries con il taglio del nastro da parte del presidente del gruppo, Silvano Galmarini

Oggi si è svolta l’inaugurazione uficiale di apertura del Gruppo Imr Industries presso lo stabilimento che per oltre 50 anni (per la precisione dal 1968) era stata la sede della Mondial Piston (assorbita nel 1987 dalla multinazionale tedesca Mahle Group).

Dopo due anni di lotta sindacale ecco un sereno finale grazie all’acquisizione da parte ddel Gruppo Imr Industries, leader nella  produzione nello stampaggio e assemblaggio di prodotti per automotive.

A Saluzzo si occuperà della predisposizione dei tetti delle cabine degli autocarri Iveco che giungeranno stampati dallo stabilimento di Mondovì saranno poi inviati direttamente agli stabilimenti di questa società italiana leader nella produzione di veicoli industriali.

“Oggi è una bella giornata perché si volta pagina dopo un periodo brutto ed angosciante per molte famiglie e si dà una speranza concreta di ripresa a questo territorio – ha affermato il segretario generale della Cisl di Cuneo, Enrico Solavagione nel suo intervento durante la cerimonia di apertura del nuovo sito produttivo – Il fatto che la proprietà sia italiana è un ulteriore motivo di orgoglio per tutti quanti. Ora ci aspettiamo un rilancio dell’azienda anche in ottica occupazionale. Siamo convinti che sicurezza e rispetto dei diritti dei lavoratori saranno posti tra le priorità – ha concluso Solavagione – L’Italia ha bisogno di imprenditori seri e convinti perché con i soldi che arriveranno dall’Europa bisognerà rilanciare una politica industriale al passo con i tempi”

Attualmente presso lo stabilimento saluzzese Imr  sono presenti 30 dipendenti che operano su 2 turni dal 5 maggio scorso.  Lunedì prossimo sarà attivato anche il turno notturno portando così a 50 i lavoratori in attività per giungere entro settembre tra 80 e 90 lavoratori unità. Sarà necessario attendere l’autunno del 2022, con l’attivazione del reparto verniciatura, per arrivare a 137 dipendenti, assorbendo così i dipendenti della Mahle nel rispetto dell’accordo siglato lo scorso anno tra Organizzazioni sindacali e Gruppo Imr.

“In una logica di massimo guadagno della produzione, la multinazionale tedesca aveva chiuso lo stabilimento di Saluzzo (oltre a quello di La loggia) – afferma l’operatore sindacale della Fim Cisl di Cuneo, Roberto Lepori con soddisfazione – mentre in un momento di crisi come questo un imprenditore italiano ha riportato il sorriso a molti lavoratori ed alle loro famiglie”

Alla cerimonia di inaugurazione con il rituale taglio del nastro fatto dal presidente  del Gruppo Imr, Silvano Galmarini,  erano presenti il segretario generale della Cisl Cuneo, Enrico Solavagione, quello della Cgil oltre ai segretari della Fiom Cgil,  della Fim Cisl e l’operatore sindacale Roberto Lepori.

C’erano inoltre i  deputati Chiara Gribaudo e Luigi Lupi.

Il Gruppo Imr, come già accennato, svolge la propria attività nella componentistica di esterno veicoli peri i più importanti costruttori mondiali  di auto e camion. Nei suoi 4 stabilimenti, di cui 2 nel Nord Italia (Mondovì e Saluzzo) ed in Spagna lavorano circa 800 dipendenti

Alfonso Territo

 

Categoria: , ,