16 luglio – Granfondo del Monferrato – Coniolo (Al)

venerdì 14 luglio 2017

La seconda edizione della Gran Fondo del Monferrato organizzata dalla A.S.D. Ciclo Sport Casale quest’anno propone nuovi tracciati rispetto al 2016: un percorso “corto” di 80 km (circa 1.400 mt. di dislivello) ed un percorso “lungo” di 110 km (circa 1.800 mt. di dislivello).

Al via di domenica 16 luglio i partecipanti alla gran fondo, dopo aver percorso un breve strappo di 600 metri con pendenza massima del 19% e media del 7%, affronteranno la breve ma veloce discesa di Coniolo che li porterà nell’abitato di Pontestura.

Pedalati poco più di 7 km e superato il centro di Pontestura i corridori dovranno sostenere la prima ed inedita salita che li porterà al Castello di Camino; i primi due chilometri di ascesa non sono proibitivi anzi i più preparati saliranno con il 50 o 52 ma, superato il “Caffè del Peso” una volta giunti sulla piazza di Camino, le pendenza si faranno più toste ed, in particolare, negli ultimi 500 metri dove si giungerà al Castello di Camino e la pendenza media sarà del 12%; nel complesso la salita è lunga circa 3 chilometri con una pendenza massima del 17% ed una pendenza media del 4,6%.

Affrontata la salita del Castello di Camino e superato la frazione di Castel San Pietro, il percorso della gran fondo si avvierà verso la salita di Isolengo e, pertanto, tornerà sul tracciato dell’anno scorso; la salita di Isolengo / Cantavenna di quasi 3 kmcon pendenza media del 5,5% e massima del 13%. Giunti in cima alla salita a circa 360 metri di altezza (punto più alto del percorso) si presenterà davanti ai partecipanti alla gran fondo un paesaggio mozzafiato: sulla destra, infatti, nel punto denominato belvedere si scorgeranno le distese risaie del vercellese solcate dal fiume Po e sovrastate dalle Alpi.

Dopo un breve falsopiano in direzione Gabiano, si percorrerà la discesa verso la frazione Piagera di Moncestino dove si svolterà a sinistra (si invita a prestare molta attenzione poiché si dovrà affrontare una curva a 90°). Svoltati a sinistra i ciclisti si dirigeranno verso Vallegiolitti / Villamiroglio; qua il tracciato prevede un susseguirsi di sali e scendi fino ad arrivare, al ventinovesimo chilometro circa, ai piedi della seconda ascesa: trattasi della salita di Sant’Antonio frazione di Odalengo Grande che misura 2,5 chilometri con pendenza massima del 15% e pendenza media del 4,5%; questa salita presenta una pendenza decisa all’inizio per poi calare decisamente nell’ultimo tratto ad eccezione di un breve strappo nel finale.

Terminata la salita di Sant’Antonio i corridori affronteranno la discesa che li porterà sulla S.P. 590 della Valle Cerrina; da qui dopo aver pedalato un tratto pianeggiante di circa 6 km giunti alla frazione Pozzo di Odalengo Grande si svolterà a destra per affrontare la seconda inedita ascesa: trattasi della salita di Odalengo Piccolo, affrontata al 38esimo chilometro circa, presenta una pendenza media del 5,7% ed una massima del 15% ed è lunga circa 2,5 chilometri.

Il percorso a seguire prevede un continuo saliscendi che porterà i ciclisti prima a Fraz.ne Guazzolo di Castelletto Merli (dove ci sarà il primo RISTORO) e in seguito a Moncalvo Stazione; una volta attraversata la S.S. Casale / Asti, si affronterà al 50esimo circa la salita di Grazzano Badoglio che non presenta particolari asperità (3,2 chilometri di lunghezza – pendenza massima 8% e pendenza media 3%); appena prima di entrare nel paese di Grazzano Badoglio i corridori svolteranno a sinistra per affrontare una breve ma ripida discesa (fare attenzione in questo tratto perché al termine della discesa si dovrà effettuare una svolta a sinistra di 90 gradi) che li porterà dopo alcuni “mangia e bevi” ad Ottiglio dove, circa al 60esimo chilometro, ci sarà la divisione dei percorsi: il “lungo” svolterà a destra per dirigersi verso Casorzo mentre il “corto” svolterà a sinistra per dirigersi verso Sala Monferrato e Cereseto.

Nel tracciato “lungo” si dovrà , quindi, affrontare la salita di Casorzo (2 chilometri di lunghezza – pendenza massima 9% e pendenza media 3,6%) e subito a seguire prima una breve discesa seguita dalla salita di Altavilla Monferrato che non presenta particolari criticità.

Giunti ad Altavilla Monferrato la gran fondo al 70esimo chilometro procederà verso la salita di regione Tronco di Vignale (chilometro di lunghezza – pendenza massima 9% e pendenza media 6%) ed, una volta oltrepassata tale salita, dopo un breve tratto rettilineo di circa 3 chilometri i corridori svolteranno a sinistra per intraprendere la salita del Castello di Lignana che li porterà nell’abitato di Frassinello Monferrato; l’ascesa del Castello di Lignana (3,15 chilometri di lunghezza – pendenza massima 14% e pendenza media 4%) se all’inizio è abbastanza dolce nell’ultimo tratto, dopo quasi 80 chilometri percorsi, si farà sentire nelle gambe dei ciclisti.

Superato il paese di Frassinello Monferrato e dopo aver affrontato una breve discesa, i corridori dovranno affrontare la salita più ostica della giornata; trattasi della salita di Cave di Moleto; l’ascesa lunga circa 2 chilometri se nel suo primo tratto è abbordabile nell’ultimo invece prevede delle pendenze sino al 20% (pendenza media 7%). Al termine della salita sarà garantito un RISTORO IDRICO.

Conclusa la temibile salita di Cave di Moleto i ciclisti affronteranno una ripida discesa (si raccomanda attenzione in questo tratto poiché la strada è stretta ed il manto stradale presenta della ghiaia) che li porterà all’86esimo chilometro ad Ottiglio dove i percorsi “corto” e “lungo” si ricongiungono.

I partecipanti alla seconda edizione della gran fondo del Monferrato dovranno pedalare in questo punto del tracciato nella salita di Ottiglio (2,60 chilometri di lunghezza – pendenza massima 11% e pendenza media 4%) conclusa la quale si dirigeranno verso i paesi di Sala Monferrato (dove sarà presente un RISTORO per entrambi i percorsi; in questo punto del tracciato la gran fondo seguirà lo stesso percorso dell’edizione precedente) e subito dopo Cereseto non appena aver pedalato una salita di circa un chilometro con pendenza massima dell’11% e pendenza media del 5,3%.

Ai ciclisti, ora, non resterà che affrontare le ultime due asperità della giornata vale a dire le stesse dell’edizione 2016; infatti, lasciato il paese di Cereseto la gran fondo si sposterà sulla S.S. Casale/Asti in direzione Casale Monferrato; pedalato un breve tratto pianeggiante, prima di entrare nell’abitato di Ozzano Monferrato, si svolterà a sinistra per affrontare la salita di Rollini / Quarti / Vialarda; complessivamente questa ascesa misura circa 4,5 chilometri e presenta un primo tratto relativamente duro (circa 1,5 chilometri con pendenza massima dell’11% e pendenza media del 5,6%); la salita, una volta giunti a frazione Quarti di Pontestura,  tende ad essere più dolce con alcuni tratti anche in discesa sino alla frazione di Vialarda.

Da qui si affronterà la discesa verso Casale Monferrato (AL) terminata la quale, i partecipanti alla g.f. svolteranno bruscamente a sinistra per affrontare l’ultima salita del tracciato (lunghezza circa 1,80 chilometri pendenza media del 6,5% e pendenza massima dell’16%) e che li porterà al traguardo di Coniolo dove li attenderà il RISTORO FINALE ed il PASTA PARTY.