Terzo Valico: per il momento il Cociv e le imprese bloccano il rientro in cantiere dei lavoratori

martedì 14 aprile 2020 / Emergenza COVID-19
sicurezza Terzo Valico presidio Alessandria
Le morti sul lavoro sono un dramma vergognoso per un Paese civile. Spezziamo questa catena!

Filca Cisl Piemonte e Alessandria-Asti: “La ripresa dei lavori al Terzo Valico e in generale in tutti i cantieri edili deve essere prudente e gestita con il confronto con il sindacato, in modo da garantire le massima sicurezza per i lavoratori. Indispensabile inoltre una concertazione nel territorio per la sicurezza ed il rilancio dell’intero settore edile”

Siamo stati avvertiti che, in queste ore, il Consorzio Cociv così come altre aziende affidatarie dei lavori del Terzo Valico sta fortunatamente avvisando i lavoratori di non rientrare nel cantiere; una decisione che consideriamo prudente e assolutamente condivisibile, anche alla luce di quanto avvenuto in questo periodo nel territorio alessandrino, purtroppo uno dei più martoriati dalla drammatica emergenza coronavirus. Per quanto concerne in particolare il Terzo Valico la Filca Cisl ritiene pertanto che sia fondamentale concordare e costruire prima un efficace sistema di tutela dei lavoratori che dovrà essere pienamente operativo al momento della graduale ripresa dell’attività; per questa ragione abbiamo già richiesto, con le altre Organizzazioni Sindacali, un confronto con il Consorzio Cociv e le aziende affidatarie per individuare prima le misure necessarie per la protezione dei lavoratori dal contagio sui cantieri e gallerie di lavoro, anche in riferimento a mense e spazi comuni. Il confronto con tutte le aziende dovrà costantemente avvenire anche una volta ripresi i lavori, noi vi porremo la massima attenzione e l’ascolto di tutti i lavoratori per come verrà applicato.

Nello stesso tempo la cautela e le incertezze per il futuro sono ampiamente diffuse in tutto il settore edile, dove la gran parte delle aziende nel nostro territorio ha collocato i lavoratori in cassa integrazione e numerosi cantieri si sono fermati. In una fase ancora troppo critica è indispensabile pertanto pensare ad una ripresa delle attività produttive che possa avvenire con prudenza, responsabilità e solamente nel rispetto delle necessarie garanzie per la salute dei lavoratori e la salubrità degli ambienti di lavoro. Secondo la Filca Cisl è pertanto indispensabile avviare un confronto a livello del nostro territorio tra il Sindacato, le imprese e le istituzioni affinché il settore edile si attrezzi ad una graduale ripresa delle attività, presumibilmente a partire dal 3 maggio, in un quadro di tutela del lavoro e di rilancio del settore.

  • Piero Tarizzo                                                     Massimiliano Campana
  • Subreggente regionale Filca Piemonte        Reggente Filca Cisl Alessandria-Asti

Categoria: ,